IMG_0117b-9553b

Un pubblico attento e interessato ha partecipato l’altra sera, 12 marzo 2013, alla presentazione della raccolta poetica “Versi fuori corso” di Giuseppe Bocchino, organizzata dall’Associazione Culturale Tre Grazie nell’Aula Magna dell’IAC di Grazzanise.
Dopo una breve introduzione della Coordinatrice del sodalizio, Raffaella Petrella, si è svolto un articolato dibattito fra il giornalista Giuseppe Nicodemo, responsabile di “Thereportzone.it” e l’autore del volume, anch’egli giornalista e curatore della collana di Poesia presso la Case Editrice Vozza, incentrato ovviamente sulla raccolta oggetto della serata e soprattutto sulla concezione della poesia e del poeta da parte dell’autore.
A tal riguardo sono illuminanti alcune righe tratte dall’introduzione al libro in cui Bocchino scrive: “Da sempre l’essere ‘fuori’ dal contesto è il momento costitutivo del ‘fatto’ poetico… ad esempio, nella continua rilettura del proprio diario intimo la poesia può alimentarsi di ciò che fu e scaraventare nell’oggi la musicalità delle ricordanze” . Ma “altre volte il lirismo della sofferenza è nell’immediato, nella comunanza degli stati d’animo con la Natura”.
Invece “negli istanti del sogno e della visione, il mondo appare in una distanza notturna quasi ascetica”. La poesia, in fondo, è una fatica e non è detto che il prodotto sia di facile comprensione, al contrario. E’ il rischio che corre il poeta, vivere da eterno disadattato, ma ha la speranza, se non della immortalità, almeno di una “riconoscenza di una futura, duratura ed amorevole memoria”.

Alla manifestazione è intervenuto anche l’editore Giuseppe Vozza, la cui giovane casa editrice con sede a Casolla di Caserta, si propone di valorizzare la cultura e gli autori del territorio.

frates

 

(da grazzaniseonline.eu)

“Versi fuori corso”, di G. Bocchino presentati a Grazzaniseultima modifica: 2016-03-14T11:55:55+00:00da ezzel
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Post Navigation