IMG_0452Si è tenuto ieri 3 giugno presso l’Aula Magna dell’IAC “F. Gravante” l’atteso incontro su “Raccolta differenziata… si perché” organizzato dall’Associazione Culturale “Tre Grazie” presentato dalla Coordinatrice ins. Raffaella Petrella e curato dal giovane ing. Giovanni D’Elena .

La relazione, supportata da efficaci slide esplicative, ha messo in evidenza la convenienza, sia per l’ambiente che per l’economia, di una corretta raccolta differenziata interessando molto il pubblico presente e dando luogo a una lunga serie di domande e osservazioni.
Presente anche il Sindaco di S. Maria la Possa, Papa, la cui amministrazione è molto impegnata sul fronte dei rifiuti.

frates

da www.grazzaniseonline.eu

antonella-palermoGRAZZANISE – “E’ dedicato a Veronica Abbate, morta nel 2006 a 19 anni per mano dell’ex fidanzato, alla cui storia è liberamente ispirato, e alle tante Veroniche che vivono nelle ragazze di ogni età. A Clementina, che fa battaglia per ottenere severità e certezza della pena per i colpevoli di femminicidio e anima una casa d’accoglienza per le donne” il libro che sarà presentato Domenica 15 maggio alle ore 18 nell’Aula Magna dell’IAC di Grazzanise a cura dell’Associazione Culturale Tre Grazie.

“Veronica. Solo l’amore non basta”, questo il titolo, è stato scritto da Antonella Palermo, giornalista che si occupa di comunicazione politica e istituzionale. Laureata in giurisprudenza e in Scienze della Comunicazione, è nota a Caserta per il suo impegno civile e politico a favore delle donne. E’ autrice di racconti. Collabora con “Il Corriere del Mezzogiorno”, è stata corrispondente dalla Campania per varie testate fra cui “Liberazione” e “Il Mattino”.

Di che parla il libro? Di due adolescenti che si innamorano, litigano, si lasciano, fanno pace. Poi qualcosa cambia e Veronica si chiede: Ma l’amore da solo non basta? Una storia da leggere attraverso gli occhi della giovane protagonista e delle inseparabili amiche. Emozioni di donne in erba, dubbi, paure, brividi di un amore che non si insegna nelle scuole, ma che tutte le adolescenti imparano a conoscere.
All’evento sarà presente l’Autrice.
Appuntamento dunque a domenica 15 maggio, ore 18,00. Ingresso libero.

IMG_0117b-9553b

Un pubblico attento e interessato ha partecipato l’altra sera, 12 marzo 2013, alla presentazione della raccolta poetica “Versi fuori corso” di Giuseppe Bocchino, organizzata dall’Associazione Culturale Tre Grazie nell’Aula Magna dell’IAC di Grazzanise.
Dopo una breve introduzione della Coordinatrice del sodalizio, Raffaella Petrella, si è svolto un articolato dibattito fra il giornalista Giuseppe Nicodemo, responsabile di “Thereportzone.it” e l’autore del volume, anch’egli giornalista e curatore della collana di Poesia presso la Case Editrice Vozza, incentrato ovviamente sulla raccolta oggetto della serata e soprattutto sulla concezione della poesia e del poeta da parte dell’autore.
A tal riguardo sono illuminanti alcune righe tratte dall’introduzione al libro in cui Bocchino scrive: “Da sempre l’essere ‘fuori’ dal contesto è il momento costitutivo del ‘fatto’ poetico… ad esempio, nella continua rilettura del proprio diario intimo la poesia può alimentarsi di ciò che fu e scaraventare nell’oggi la musicalità delle ricordanze” . Ma “altre volte il lirismo della sofferenza è nell’immediato, nella comunanza degli stati d’animo con la Natura”.
Invece “negli istanti del sogno e della visione, il mondo appare in una distanza notturna quasi ascetica”. La poesia, in fondo, è una fatica e non è detto che il prodotto sia di facile comprensione, al contrario. E’ il rischio che corre il poeta, vivere da eterno disadattato, ma ha la speranza, se non della immortalità, almeno di una “riconoscenza di una futura, duratura ed amorevole memoria”.

Alla manifestazione è intervenuto anche l’editore Giuseppe Vozza, la cui giovane casa editrice con sede a Casolla di Caserta, si propone di valorizzare la cultura e gli autori del territorio.

frates

 

(da grazzaniseonline.eu)

Coordinatrice:

  • Raffaella Petrella

Vice-Coord.:

  • Giovanna Pezzera

Consiglieri:

  • Antonio D’Abrosca
  • Domenico Gravante
  • Antonio Mastrocinque
  • Antonella Palazzo
  • Mattia Parente

Tesoriere:

  • Salvatore Nardelli

Segretaria:

  • Maddalena Bisesto

 

Collegio dei Sindaci:

  • Enrico Raimondo
  • Giovanni Raimondo
  • Giovanni B. Raimondo

Selezione_0772-b2ad5Grazzanise – Si è tenuto domenica 27 dicembre 2015 l’atteso concerto di Natale del Gruppo Popolare Arianova per conto dell’Associazione Culturale Tre Grazie che ha proposto per la ventiquattresima volta alla cittadinanza di Grazzanise il tradizionale evento musicale.
Il gruppo pignatarese guidato da Giacomo D’Angiò è parte integrante dell’omonima Associazione ed è costituito, come si legge sul proprio sito, da musicisti di estrazione professionale e formazione molto diverse che studiano, praticano e promuovono forme ed espressioni della cultura popolare da salvaguardare. Esso esegue canti di lavoro, d’amore e di protesta, tammurriate, pastorali, tarantelle e pizziche recuperate sul territorio. Gli Arianova, infatti, non si limitano a una semplice esecuzione di brani ma ricercano e ricostruiscono testi e musiche della tradizione locale, principalmente del luogo di origine, Pignataro, ma estendendo il loro repertorio al più vasto orizzonte casertano e campano e, ultimamente, ai canti del meridione. Strumenti di questa loro meritoria attività sono corde, flauti, tammorre e tamburelli, triccaballacche, putipù, castagnette, violino dei poveri, zampogna, ciaramella, fisarmonica e altri strumenti popolari.
L’esperienza di diversi anni e lo studio approfondito hanno portato gli Arianova a esibirsi in varie parti e con artisti di fama, come l’Orchestra Popolare Casertana divenuta poli O.P. Campania, con Eugenio Bennato o con il coro del Teatro San Carlo di Napoli, conseguendo diversi riconoscimenti tra cui quello di ’interesse nazionale’ concesso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
In breve, il gruppo si è ritagliano un notevole posto nel panorama della musica popolare. Da alcuni anni sta organizzando a Pignataro anche un festival del settore proponendo ogni volta artisti di una regione diversa. Il contatto con altre esperienze e realtà popolari arricchisce sempre più sia il repertorio che l’evoluzione artistica del gruppo.
Per l’occasione del citato concerto si sono esibiti Lorenzo Giordano, Pietro D’Angiò, Vincenzo Magliocca, Gianni Giordano, GiovanGiuseppe Rotolo, Giacomo D’Angiò (che per ogni ’pezzo’ ha illustrato l’ambito di origine e gli strumenti di esecuzione), e Mimmo Morello che hanno eseguito, vista la sede (la splendida cornice della Chiesa di Montevergine), principalmente canti devozionali non trascurando alcuni canti della tradizione calena e del sud Italia (in particolare la Calabria).
All’evento ha assistito un buon pubblico e il sindaco Dott. Vito Gravante con signora e la presidente del Consiglio Comunale.
Ha introdotto la serata la Coordinatrice della Tre Grazie, l’ins. Raffaella Petrella.

frates

Il rischio psico-evolutivo in età infantile (lo sviluppo tipico e i fattori devianti) è il titolo di un seminario articolato su due incontri, organizzato dall’Associazione Culturale Tre Grazie. Il primo incontro ha avuto luogo Sabato 5 dicembre 2015 alle ore 17,15 presso l’Aula Magna dell’IAC ’F. Gravante’, avente per tema ” I processi di sviluppo in età evolutiva ” ed è stato tenuto dal Dott. Lorenzo Antinolfi, specialista in neuropsichiatria infantile e Dirigente Medico all’ASL CN1 (Cuneo, Mondovì e Savigliano).

Per rischio psico-sociale si intende tutta quella serie di eventi e condizioni che si verificano in un contesto ambientale e sociale, capace di arrecare danni fisici e/o psicologici in soggetti vulnerabili, in particolar modo se si verificano in età evolutiva.
E’ in quest’epoca, infatti, che il neurosviluppo brucia le sue tappe, in quanto processo di crescita dell’individuo che permette la progressiva acquisizione di competenze distribuite su diversi ambiti: motorio, comunicativo-linguistico, cognitivo, emotivo, sociale.
Il seminario riguarderà lo sviluppo normale, le modifiche della famiglia, il divorzio, l’adozione, il bullismo, l’abuso e come essi possono influire sul bambino e adolescente in fase di strutturazione della propria personalità, facilitando l’insorgenza di processi morbosi psicologico-psichiatrici.

Il dott. Lorenzo Antinolfi collabora col Centro Studi Mathesis in Arzano. Nel 2014 è stato Docente a contratto presso l’Università degli Studi Internazionali di Roma per il corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria. Da giugno di quest’anno è Dirigente Medico presso la Struttura Complessa di Neuropsichiatria Infantile dell’ASL CN1 nell’Ospedale di Mondovì.

arton3887-dd42aGrazzanise – Un incontro sulla figura di Padre Antonio Raimondo che svolge la sua attività missionaria in Egitto da molti anni si è tenuto ieri 14 novembre 2015 nell’Aula Magna dell’I.C. ’F. Gravante’, a cura dell’Associazione culturale Tre Grazie.
Il titolo della manifestazione era “Le mie due terre” come le chiama lo stesso frate, intendendo quella di origine e quella di missione, fra le quali egli trova molti punti in comune, come la presenza dei fiumi, Volturno e Nilo, e l’allevamento della bufala con relativa produzione lattiero-casearia.
La coordinatrice dell’Associazione, ins. Raffaella Petrella ha introdotto la relazione della giornalista Giovanna Pezzera che si è sorafpetr-187a4ffermata in un lungo intervento sulla figura del nostro concittadino come religioso, missionario, organizzatore di attività di promozione, soprattutto a favore dei bambini, ma anche come studioso osservatore di usi e costumi e versificatore.
Padre Raimondo infatti, classe 1946, ha realizzato importanti opere sociali alla periferia del Mukattam ha pubblicato articoli e ricerche per la rivista ’La terra Santa’, per ’Voci d’Oriente’, ha collaborato alla storia di ’Pietro Laurella’, ha redatto una ’Cronaca delle chiese-conventi di Bulacco e Ismailia’, si è interessato a Muhammad Alì e a Mons. Perpetuo Guasco, primo vescovo per i latini d’Egitto. Ha scritto, inoltre, una raccolta di racconti autobiografici.
Ha letto brani dai lavori dell’autore la giovane Grazia Di Bello.
La manifestazione, a cui ha assistito un buon pubblico, ha avuto come al solito un seguito conviviale. Non a caso questo tipo di eventi rientra nell’attività intitolata ’Librando – aperitivi letterari’ della Tre Grazie.

frates

Una mostra fotografica dal titolo “Mare dentro”, opera di Marta Raimondo sarà presentata Sabato 24 ottobre 2015 nell’Aula Magna dell’Istituto Comprensivo ‘F. Gravante’ di Grazzanise a cura dell’Associazione Culturale Tre Grazie.

Si legge nel depliant d’invito: “Marta Raimondo è insegnante, amante delle Arti in genere con una particolare predilezione per quelle visive. “Oggettività e Interiorità”, curata dallo storico dell’arte Angelo Calabrese, la mostra realizzata a Grazzanise, e da qui alcuni dipinti hanno successivamente trovato spazio in alcune gallerie e rassegne pittoriche della Provincia. L’attuale mostra fotografica parte dall’interesse per questa tipologia di arte visiva cui Raimondo dedica uno studio appassionato dal quale riesce a far trasparire le emozioni che l’hanno indotta a fissare le immagini che sono rese uniche, caratteristiche del suo modo di esprimere il suo animo, dagli effetti cercati. Da un effetto di osservazione sulla realtà ad uno stato di movimento, di equilibrio che fissa l’istante in una tranquillità inaspettata ma con indole inquieta saturando ogni spazio con il grande amore per il mare”

L’inaugurazione è prevista per le ore 18,30 e si accompagnerà alla visione di un filmato sulla tematica oggetto della mostra con commenti dell’artista. Sarà possibile visitare la mostra anche Domenica 25 dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 19:00.

photo2  Grazzanise – Nella girandola di comizi elettorali con il corollario di eccitazione popolare (ma non troppa, per la verità, fino a questo momento) a molti sarà sfuggito un interessante appuntamento “Ricercatori: entità estranee alla società?”, organizzato sabato 9 maggio dall’Associazione Culturale Tre Grazie.
Il titolo del convegno richiamava lo scarso sostegno dato alla ricerca in Italia e quindi la poca considerazione in cui sono tenuti i ricercatori, i quali con tanti sacrifici portano avanti studi per alleviare le sofferenze altrui. Un concetto polemico visto che le relatrici dell’incontro, presentato dalla coordinatrice dell’Associazione, Raffaella Petrella, erano due ricercatrici.

La prima, la dott.ssa Maria Ravo, è stata ricercatrice dell’AIRC nell’ambito del progetto “Global analysis of microRNAs role in Breast Cancer” svolto presso il Laboratorio di Medicina molecolare e Genomica dell’Università di Salerno e dal 2014 è Responsabile dell’Unità Operativa presso la stessa Università nonché socio fondatore di Genomix4Life Srl, Spino-off del Laboratorio di Medicina Molecolere e Genomica.
La seconda, dott.ssa Maria Antonietta Castaldi, ha partecipato al progetto Burundi della Fondazione pro Africa. E’ stata docente di Patologia Generale presso l’Institut Superieur des Sciences de la Santé dell’Université de Ngozi (Burundi). dal 2009 è docente del master di II livello in ‘Teledidattica applicata alle scienze della salute e in medicina” della II Università di Napoli.

In realtà, sebbene il titolo del convegno facesse intendere altro, sono stati trattati argomenti molto più importanti per la platea di uditori.
La dott.ssa Ravo è intervenuta su “La genomica funzionale nello studio dei tumori: dal ritratto molecolare alla medicina di precisione“.
La Dott.ssa Castaldi, invece, ha parlato dei “Tumori pediatrici e malattie dell’apparato genitale femminile: ruolo degli inquinanti ambientali“.
Nonostante concomitanti eventi ha partecipato un folto pubblico che ha seguito con estremo interesse le due relazioni.

da grazzaniseonline.eu

le foto sono di Antonio Mastrocinque

2

Sabato 11 aprile 2015 alle ore 19,00, presso l’Aula Magna dell’Istituto Autonomo Comprensivo di Grazzanise, L’Associazione Tre Grazie terrà un incontro con gli autori di “Versi in chiaroscuro, le parole non dette, le parole strillate”, una raccolta poetica di Giammichele Abbate e Turillo Parente.
Introdurrà Giuseppe Florio, direttore di grazzaniseonline